News

In libreria "Mio padre e io" di Pia Quinzio

La collana TESTIMONIANZE ospita libri che raccontano la vita vera.

In questa collana i nostri lettori possono trovare la vita vissuta tutti i giorni, tra difficoltà e speranze. Storie raccontate da autori che hanno vissuto sulla loro pelle situazioni per nulla facili che sono state superate anche grazie alla scrittura. 

Da poco in libreria è uscito "Mio padre e io. Ricordi di vita con Sergio Quinzio" di Pia Quinzio. Un piccolo libro, questo, che racchiude però tutto l'amore che una figlia prova nei confronti del padre.

«Non ho mai seriamente pensato alla morte di mio padre, come se lui, dopo una vita passata in attesa del Regno di Dio, dovesse per forza vederlo irrompere nella storia con i suoi occhi, dolci e severi, spalacati quasi a chidere ragione dell'imperdonabile ritardo».

Attraverso un racconto lucido e a tratti commuovente la nostra Autrice ci fa conoscere uno dei pensatori italiani più originali del '900.

Sergio Quinzio è stato un teologo ed esegeta biblico, impegnato a declinare il messaggio evangelico in un serrato confronto con la modernità.

Figlio del capo dei vigili urbani della natia Alassio, Quinzio trascorse nella cittadina ligure un'infanzia serena e relativamente agiata, fino a quando le brutalità che segnarono le ultime fasi della Guerra non costrinsero la famiglia a riparare a Roma.

Qui il giovane Quinzio si iscrisse alla facoltà di ingegneria, passando poi a filosofia. Ma le necessità della famiglia lo convinsero ad abbandonare gli studi e tentare il concorso presso l'Accademia della Guardia di Finanza, dove entrò nel 1949. Rimarrà in servizio per 17 anni.

Nel 1963 sposò Stefania, figlia del senatore socialista Gaetano Barbareschi.

Dopo la morte della giovane moglie, dalla quale aveva avuto la figlia Pia, nel 1973 si ritirò in isolamento per quattordici anni a Isola del Piano, un piccolo paese delle Marche, dove continuò i suoi studi della Bibbia. 

Si risposò con Anna Giannatiempo, docente all'Università di Perugia, nel 1976.

Una personalità eclettica che ha segnato la cultura italiana del XX secolo.

Nel libro, tra ricordi d'infanzia e riflessioni postume, nel quadro storico di contese ideologiche e speranze di redenzione sociale, è possibile delineare in modo netto uno spaccato della vita culturale italiana tra gli anni '70 e '80.

Buona lettura!

Lascia un commento